10.30.14"TESLA COILS" REVIEW BY P.ACQUARO, FREEJAZZBLOG

When live electronics are well done the results are often unique and rewarding, which just so happens to be the case with exciting electro/acoustic trio Tesla Coils. Comprised of sax, electric guitar and laptop, these skilled and daring musicians bring to life the brilliant Tesla coil metaphor. Like cool blue lightening bolts trapped in a glass sphere - painless to touch but alarmingly responsive - the trio creates a contained tempest together.

Between the freely improvised interactions of the trio, Blaise Siwula's melodic saxophone lines, Harvey Valdes' crackling textural guitar playing and Gian Luigi Diana's thoughtful live sampled remixing, the music grows in the most unusual ways. Listening alone to Siwula, you can imagine a classic free jazz blowing session, to Valdes you hear noise improv and rapid fire single note lines, but mix it in with the laptop and you have a new thing altogether.

Highlights on the album abound but what is most interesting is how Diana creates a third instrument (or more!) through the juxtaposition the other two instruments. Listen closely in 'Secondary Coil' at how around the 5 and 1/2 second mark there now two saxophones bouncing off of each other, or the brittle crackle of the guitar at the beginning of “Discharge Terminal’. Through out the 3/4 hours of the album there is hardly a dull moment. If you get a chance to hear them live you won't be disappointed either - this is a crackling group.

08.26.14"TESLA COILS" REVIEW BY Jean-Michel Van Schouwburg, Orynx-improvandsounds

"(...) Blaise Siwula est un saxophoniste de première, un musicien improvisateur avec un savoir faire et une expérience impressionnante, même s’il reste peu connu dans le réseau européen. Ici on l’entend au sax soprano, alto et ténor avec un excellent guitariste, Harvey Valdes et Gian Luigi Diana qui le suit comme son ombre avec son portable et son Real Time Sampling Sound Manipulation. Dès l’ouverture (Primary Coil 17:57), les volutes du soprano crée un univers volatile, élégant et complexe avec une belle technique « traditionnelle ». Donc pas de techniques avancées à la John Butcher, ni de travail du son à la Lacy, plutôt Trevor Watts au soprano. Une phase de deux minutes où chacun reste sur ses gardes, un silence et deux coups de becs, et l’échange commence. Alors que Diana procède et transpose avec inventivité le jeu du saxophone en le miroitant et le contorsionnant, le guitariste propose des incartades atonales soniques maîtrisées ou un jeu mélodique subtil. Un solide guitariste, Harvey Valdes. Bonne écoute du trio et conception intelligente de l’improvisation où plusieurs champs d’investigation sont exploités tour à tour où simultanément avec logique et musicalité. Il est parfois difficile de distinguer le saxophone du processing de Diana. Vers la onzième minute, le ton change et ralentit vers le sonique exploratoire. Siwula démontre qu’il a de sérieux moyens. On passe rapidement d’une introspection rageuse vers un pandemonium électro saturé qui remplit tout le champ auditif, pour ensuite terminer sur quelques sons de guitare et des phrases de sax alto presque jazz. Secondary Coil 7:51, introduction au sax alto quasi jazz en rythme libre avec quelques piquetages de guitare qui évoluent vers des ostinatos décalés et alors le sax devient free et mâchouille / growle les sons. Un séduisant dialogue entre Siwula et Valdes se transforme en confrontation et Diana qui jouait sur le côté fait monter le ton. Passage étrange : deux sax se disputent l’espace : le réel et le virtuel. Il y a un peu de tout dans cette improvisation et aussi quelques trouvailles, les musiciens essayant plusieurs possibilités sans avoir peur de se planter. Discharge Terminal 6:58, commence noise à la guitare et le sax soprano répond dans un registre extrême. L’électronique est inventive et des sons peu usités montent à la surface. Le guitariste se bruitise (noisifie si vous voulez) en accélérant et les volutes du sax s’envolent pour ensuite danser sur des ostinati fortuits lancés par Diana. Le quatrième morceau Resonant Frequency of Secundary Circuit 6:16 me semble être un des improvisations la plus réussie du disque. L’électronique est inventive, le saxophoniste joue sans haleter des échelles tarabiscotées avec triple coup de langue, respiration circulaire et des harmoniques bien placées avec la guitare frénétique en partageant un motif fragmenté. Mais il continue sur sa lancée alors que la guitare bifurque en frictionnant le son, rivalisant avec les trouvailles électroniques. Un belle énergie organique. Primary Tank Capacitor 2:37 est une récréation lyrique du sax ténor avec un comping décalé du guitariste. Lorsqu’ils s’arrêtent, on entend l’électronique déjantée continuer un moment juste avant la fin. Spark Gap 6:43 contient quelques éclairs de lucidité, de rage et de folie et lorsque Siwula revient vers la mélodie, la guitare plonge dans un bain d’acide et le laptop est parvenu à son expression la plus convaincante comme s’il y a avait eu chez lui une maturation durant la session. En bref, c’est OK mais au vu et au su de tout ce qui s’est fait et se fait sous la bannière de l’improvisation libre, ce n’est pas un manifeste que je ferais écouter à des auditeurs en disant : l’improvisation libre c’est çà ! Est-ce un rencontre ponctuelle ou un groupe qui « tourne »? Cela dit Blaise Siwula est un saxophoniste très compétent qui a assimilé le challenge de liberté totale en relation avec les possibilités de son instrument, surtout à l’alto. Il a un sérieux bagage musical et tient à utiliser tout son spectre musical (du phrasé jazz aux techniques alternatives) dans une même improvisation. Gian Luigi Diana utilise avec brio son software de processing et cherche des sons originaux au risque de manquer de concision. Harvey Valdes est un très bon guitariste, mais plusieurs passages entendus ici voudraient qu’il utilise d’autres intervalles, d’autres pulsations. Schönberg? Mais cette musique est faite pour évoluer, se dépasser, se transformer, s’écouter, rencontrer, découvrir, changer et tout recommencer. Et dans ce sens ces Tesla Coils, enregistrés en hommage au plus méconnu des inventeurs de l’électricité, est un témoignage convaincant."

08.08.14"TESLA COILS" REVIEW BY BRUCE LEE GALLANTER, DOWNTOWN MUSIC GALLERY

"(...) Featuring Blaise Siwula on soprano, alto & tenor saxes, Harvey Valdes on electric guitar and Gian Liugi Diana on laptop & sound manipulation. All three members of this locally-based trio have played here at DMG on different occasions. Mr. Diana has played here numerous times players like Ben Gerstein & Frederika Krier. Mr. Valdes was part of a large/free unit organized by Jeff Shurdut in the past year or so. Mr. Siwula has long run the ABC-No Rio free improv Sunday Series as well as working with a large number of international players: Alan Wilkinson, Nobu Stowe and Luther Thomas. This disc was recorded in a studio in Brooklyn almost a year ago on August 15th of 2013. The first piece is quiet and slowly evolves with playful soprano sax, spacious yet free-flowing guitar and selectively used laptop to sample certain sounds and manipulate them subtly. The sax and electric guitar do a swell job of weaving tightly around one another as some minimal electronic swirls float in the either. Things finally get intense later on with dense layers erupting together. What I find most interesting about this is that with most great improv, it draws from many genres or falls in between any regular categories. There is a great deal of quick and/or intense interaction between the guitar and the saxes with selective electronics adding different shades or manipulating the sounds of either or both of the other two instruments. The music often balances well between more somber and more eruptive sections. Consistently engaging no matter what direction they choose. Harvey Valdes will bring two different trios here to DMG to perform on Sunday, August 17th at 8pm. One of those trios is the one from this fine disc, so come on down and support free music for free." Bruce Lee Gallanter, Downtown Music Gallery 2014.

07.31.14"TESLA COILS" REVIEW BY CRAIG PREMO, Improvisedblog

This is the final installation in my four-part series on new Italian jazz from Stefano Giust’s Setola Di Maiale label. Previous reviews can be found here, here and here.

Tesla Coils is a trio exploring “real-time electronic orchestration." My experience with records featuring real-time sampling/signal processing is mixed. At times I think it works really well, such as on Evan Parker & his Electro-Acoustic Ensemble’s The Moment’s Energy, and at times it’s used in an overly harsh way, putting a heavy layer on top of the music. Tesla Coils is one of the best examples of this type of digital manipulation that I’ve yet heard. The sampling adds to the dialogue and never seems arbitrary or random.

Valdes has a spikey approach to his guitar that at certain points reminded me of Mary Halvorson, but he also mixes in other tactics including a crunching, metal-influenced component. He’s a good listener too.

When I first encountered this CD my thought was, “Oh yeah Blaise Siwula, I see his name around, I’ve heard him on a couple of things." At the end of the first track I was thinking, “Wow, I had no idea this guy was such a great soprano sax player!" And as it turns out, he’s not too shabby on alto or tenor either.

Siwula plays his reeds “straight" for the most part, with a full tone on soprano and an at times luxurious, almost Hodges-ian tone on alto. Unlike a lot of these types of records, things never get to the point where you can’t tell who’s playing what, and that’s actually refreshing. The tension between the jazz-influenced saxophone and the edgy contributions from the other two musicians ends up being fertile ground to explore.

This is my sleeper album of the year so far; don’t sleep on it.

07.29.14"TESLA COILS" review by ETTORE GARZIA.blogspot.com

Gian Luigi Diana si distingue per aver già trovato un suo carattere musicale e per aver registrato in Setola (tra gli altri) un ottimo lavoro sul digital signal processing, intitolato Cristalli.

Ora l'attenzione si sposta su un trio con altri due newyorchesi, il sassofonista Blaise Siwula e il chitarrista Harvey Valdes. "Tesla coils" (riferito alle bobine create da Nikola Tesla nel 1891) è di altissimo livello; pretende il massimo della creatività dai tre musicisti e la ottiene. Di Valdes non conoscevo nulla, mentre Siwula è stato uno dei rappresentati della scena free jazz degli anni novanta; con uno stile diviso tra Sonny Rollins ed Ornette Coleman, Siwula è un maestro dell'incrocio tra melodia ed espressionismo astratto, spesso costruito a blocchi con momenti distensivi e virate energicamente eccentriche (il solo Live in London è ampiamente rappresentativo).

In Tesla coils tutto funziona perfettamente con parti convulse ma di straordinaria efficacia sonora: in Primary coil, dall'undicesimo minuto circa, l'improvvisazione ruota vorticosamente intorno alla tensione creata dagli strumenti, con Diana che si insinua con sonorità e arrangiamenti che ricordano tempeste magnetiche e/o manutenzione dei circuiti elettrici, per terminare con poche note di sax ed una calma surreale. Nonostante l'apparente stridore, la musica resta godibilissima e parecchio invischiata in una rappresentazione che sta tra la jam e gli svuotamenti di energia elettrica delle frequenze dei circuiti di Tesla; Discharge terminal si costruisce magnificamente sulle "scariche" presentando però anche particolarissime combinazioni tra suono ed effetti che coinvolgono la nostra sensibilità in maniera descrittiva. Sta di fatto che Siwula sembra aver fiato in quantità industriali, Valdes trascina l'ascolto nei mondi melliflui dell'atonalità e Diana cesella questo patchwork con il suo laptop e la sua ricerca di suoni in quello che può essere considerato un modernissimo trattato sulle sorgenti ad alta frequenza, sulle simulazioni del circuit bending e la risonanza di fronte al jazz di Coleman e Bailey: al riguardo Primary tank capacitor è un compendio di tali principi che guarda molto avanti nel tempo, così come questo progetto che ci proietta in uno dei migliori prodotti di improvvisazione di quest'annata

07.29.14"TESLA COILS" REVIEW BY GREGORY APPLEGATE, blog

The world of improvised music continues to evolve. There are those ensembles that favor an acoustic "purity" and there are those that incorporate electronics. Today we have a great example of the latter, Tesla Coils (Setola di Maiale).It is a potent threesome of Blaise Siwula on soprano-alto-tenor sax, Harvey Valdes on electric guitar, and Gian Luigi Diana on laptop doing real-time sampling and sound manipulation. The advantage to this set up is that the electronics are integral and part of the live performance/improvisation.Blaise and Harvey lay down a carpet of vivid improvisations and Gian transforms the sounds in various ways, adding a third instrument which is a direct consequence of the other two sound generations.Anybody who reads this column knows I cover Blaise Siwula and his smart yet torching reedwork. He sounds excellent as ever here. Harvey Valdes plays in an out, fragmented and sometimes psychedelically inspired guitar style that works well in the ensemble. Gian Luigi Diana adds varied textures and densities that form an organic part of the proceedings.In short, it all comes together. This is first-tier experimental music that once again shows the way to Brooklyn, a world hotbed for new music.If you like well-executed, fertile-free soundmaking, this one is for you. Now if they used me on drums/percussion...no, just kidding. This is the dope. -

01.11.13"COS'ALTRO" REVIEW BY EMILIANO ZANOTTI, Sodapop, Webzine

È certamente un paradosso accostare il termine "classico" a un'etichetta di ricerca come Setola Di Maiale, eppure se dovessimo spiegarne stile e caratteristiche, non potremmo far nulla di meglio che invitare all'ascolto di un album come Cos'Altro; qui, il label mate Stefano Giust alle percussioni, Gian Luigi Diana a chitarra, laptop, giradischi e voce e Lorenzo Commisso a elettronica, percussioni e sample mettono insieme una summa del suono dell'etichetta pordenonese.
Tutto quello che, frazionato in oltre duecento uscite, è Setola Di Maiale, lo ritroviamo in queste sette tracce: la forma libera e l'improvvisazione come indispensabile premessa, l'idea della pari dignità di ogni suono, sia esso elettrico, elettronico o estratto da un oggetto, l'utilizzo non canonico dei generi musicali, masticati e restituitici in forme e situazioni insolite, il jazz inteso come spirito prima che come stile. A voler essere pignoli, questo potrebbe essere un limite, facendo affiorare all'orecchio dell'ascoltatore più smaliziato un certo senso di prevedibilità, ma, ad ogni buon conto, è giusto dire che non si ha mai l'impressione di essere davanti a un Bignami dell'impro, si contano invece vari momenti decisamente ispirati: la progressione narrativa di Fluorescenze #1, l'atmosfera rarefatta attraversata da rumori di Stratico, soprattutto le pulsazioni dub intersecate da voci e battiti aritmici di Rudimento, che con la sua (relativa) regolarità, spicca nel mare di suoni free. Tanta carne al fuoco, quindi, ma ogni elemento trova alla fine la sua collocazione secondo un spirito improntato più alla pratica che alla teoria. E questo sporcarsi le mani è, forse ancor più di quelle sopraelencate, il vero elemento caratterizzante dell'etichetta.

12.12.12"LAGHIMA" REVIEW BY EMILIANO ZANOTTI, Sodapop, webzine

Laghima, in antico sanscrito, significa "levitazione", il diventare più leggeri di una piuma, andare oltre il proprio corpo. A tale levità è ispirato il duetto fra l'italiano di stanza a New York Gian Luigi Diana, che incontriamo spesso e nei ruoli più disparati e la violinista rumena di nascita ma tedesca d'adozione Frederika Krier (Molecular Vibrations): il risultato è un album affatto originale.
Le dodici libere improvvisazioni sono tutte costruite sullo sfiorarsi fra il violino, che per lo più guida le danze, e l'elettronica, all'insegna di una leggerezza di tocco che tuttavia non esclude una certa fisicità, con suoni gravi e qualche fugace incursione nel rumore, a palesare la presenza di quel corpo fisico che della levitazione è l'ostacolo, ma anche l'oggetto principale. Servendosi di diversi linguaggi, musica classica, jazz, minimalismo, i due ci accompagnano da un capo all'altro dell'Oriente alla ricerca di una comunione che conosce i suoi alti e bassi e solo sul finale si concretizza pienamente. In effetti, più che musica da meditazione o colonna sonora per esercizi di levitazione, Laghima è la narrazione di tentativi e cadute, un album di tensione fra corpo e spirito, tutto giocato su suoni diafani di diversa natura: alcuni hanno la morbidezza e la trasparenza di petali, altri la fredda spigolosità dei cristalli. Ed essendo paragonabile a un viaggio all'interno di uno spirito in tumulto, nessuno dei due musicisti interpreta un ruolo fisso: a volte è il violino ad incarnare la leggerezza, con l'elettronica che tenta di ancorarlo a terra, altre volte le parti sono invertite. L'ascoltatore è così chiamato più alla partecipazione attiva che non al trasporto, ma si tratta pur sempre di un'esperienza emotivamente coinvolgente, oltre che appagante per quel che riguarda l'ascolto. Decisamente consigliato.

11.28.12"MU" REVIEW BY EMILIANO ZANOTTI, Sodapop, webzine

UMu_s-tIl terremoto, lo tsunami e il conseguente incidente nucleare di Fukushima devono aver colpito l'immaginazione di molti musicisti, se, dopo Level 7 di Maria Jikuu, ci capita fra le mani questo disco del duo italo-americano composto da Gian Luigi Diana, qui all'opera con chitarra ed elettronica e dal batterista Jimmy Johnsen, ispirato agli stessi eventi.
I MU, questo il nome scelto dai due, non fanno proprie le istanze anti-nucleari come la musicista giapponese, ma si concentrano sull'evento naturale e sulle sue conseguenze, cercando di tradurne in suono la terribile potenza attraverso otto libere improvvisazioni per chitarra, elettronica, batteria e fugaci inserti vocali. Per raggiungere il risultato i due si servono di una grande quantità di linguaggi, svariando a tutto campo entro gli ampi confini del free: l'iniziale Tsunami è giocata su un'elettronica spigolosa, la successiva Evacuation Route occhieggia al jazz, le seguenti composizioni optano generalmente per un chitarrismo di ascendenza blues elettrico, dove la furia strumentale viene arginata continuamente da brevi sequenze melodiche, passaggi psichedelici, minimalismo in odore di glitch. È Diana a sbizzarrirsi maggiormente con la sua tavolozza di suoni, ma fondamentale per tenere insieme un album che altrimenti rischierebbe un eccesso di eclettismo è il lavoro dietro alle pelli di Johnsen: il suo batterismo mobile e timbricamente vario, coerente nell'essere assolutamente libero da ogni schema, fornisce un tessuto perfetto per le incursioni dell'italiano. Essendo l'intento dichiarato quello di rappresentare l'imrovviso rilascio di energia rappresentato dallo tsunami, il duo non indugia in atmosfere cupe ma, come un elastico che viene teso e rilasciato, alterna momenti di furia liberatoria a passaggi di quiete non privi di lirismo. MU percorre la classica via dell'improvvisazione strumentale con freschezza e brio, senza cedimenti e regalando anche un ascolto piuttosto piacevole, che potrebbe appassionare le frange di ascoltatori rock più aperti e curiosi.

09.04.12"LAGHIMA" - REVIEW BY MARCO CARCASI, KATHODIK, Webzine

Una sottile, inebriante folata.
Dal basso, verso l'alto.
In assenza di peso.
Per laptop, elettronica, violino e mbira (conosciuta anche come marimba, kalimba o sanza. Strumento africano, composto da una base di legno e lamelle metalliche, da sollecitar con le dita).
“Laghima" è antica parola sanscrita, che significa, levitazione.
La violinista di Timisoara (cresciuta in Germania), Frederika Krier, e l'italiano Gian Luigi Diana, questo fanno.
Danzano leggeri, dimentichi del peso del corpo.
Opalescenti sequenze elettroacustiche e melodie di corde, che poco o nulla, hanno da spartire con l'ovest tumultuoso del mondo.
Dove non vi sono atti di forza.
Non servono.
Le stagioni scorreranno sempre, con o senza di noi.
Dodici leggere, sublimi composizioni istantanee.
Mentre il corpo elettrico, crepita impercettibile a debita distanza.
Alice Coltrane e Pharoah Sanders, annuirebbero (idealmente) soddisfatti.

09.04.12"COS'ALTRO" - REVIEW BY M. CARCASI, KATHODIK, Webzine

Non alza nessuno steccato protettivo, “Cos'altro".
Intorbidisce i pozzi d’approvvigionamento, e mantiene a debita distanza, il guscio vuoto del concetto di nicchia.
Taglia, cuci e percuoti, poi trova il passaporto e scappa lontano dall'asfissia.
Che tra rimbalzi/sbalzi metallici, son bocconi piccantissimi da mandar giù.
Arte del collage e orizzonti trance, sinusoide minimalismo e pow-pow afroasiatico, marchingegni piccini e ronzanti che ballano esclusivamente funk stecco secco, pattume metropolitano dronato e deliziosi cocktail cicuta/Carpenter.
Nel tramestio oggettistico, fra un luogo e l'altro, parecchi (non detti) bizzarri haiku che capolinano.
Son teneri momenti di confidenze impro, quelli che ascoltiamo.
Per laptop, giradischi, chitarra, voce, batteria, oggetti, percussioni, elettronica e campionamenti.
Chiederne un altro sorso, parrà troppo?

08.15.12"LAGHIMA" - REVIEW BY GREGOR APPLEGATE EDWARDS

Some music doesn't go where you'd expect. Gian Luigi Diana and Frederika Krier's Laghima (Setola di Maiale SM2090) has that quality. It's free improvisation or, as they call it, instant composition that forges its musical vocabulary from the music and sounds the artists themselves hear, rather than a strictly avant or new music framework. There are electronic elements ranging from vaguely "world" or "ethnic" to soundscaping and cosmic otherworldliness, there is the African kalimba (all energized and realized by Gian Luigi Diana), and there is the wide ranging concert/world violin playing of Frederika Krier, who has some of the tensile strength of Szigeti, an avant sounding approach and a kind of declamatory rhapsodism without undue sentiment.

The album goes freely to places the artists take it according to the considered inspiration of the moment. So you may have repeating electronic motives against a threnodic sort of lament on violin, explorations of pure sound that generally maintain a tonality, and many things in between.

It's a fascinating result that needs to be heard attentively and successively to make its point. Like the album Blurboxer covered several days ago and also featuring Mr. Diana, this is music of a different sort. "Laghima" in the Sanskrit refers to levitation, becoming light as a feather. The music can do that if you open yourself to it.

08.06.12"BLURBOXER - The invention room" - REVIEW BY GREGO APPLEGATE EDWARDS

Some music defies simple categorization. It is not rock or pop, though it pulsates. It is not jazz, though there is improvisation. It is not soundscape/new age per se, though there is flow and mellifluousness. It is not modern classical-avant, though there is a kind of wide compositional thrust. Such describes Blurboxer and their CD The Invention Room (self-released).

Blurboxer is G. L. Diana on live electronics, sound processing and sitar, Lisa Dowling on contrabass, plus for several pieces Patrick Holmes on clarinet or Tony Jarvis, bass clarinet.

Each piece has composed and seemingly spontaneous elements. In many ways the artists use the studio setting as their canvas. The end result is inseparable from the way the music is mixed, balanced and processed into recorded sound. Contrabass, sometimes sitar and wind soloists tend to play structured motifs much of the time and electronic loops and timbres give the sound a grounding and a flow. Like conventional minimalism, there can be repetition. But Blurboxer tends towards phases and sound structures untypical of composers working in that style.

And perhaps that is what especially interests me. The form is usually not unfamiliar but the music itself, the notes and the overall ambiance is unexpected. For that reason it took me several listens to get a grasp of what I was hearing.

It is different, in other words, rather original, avant but pretty much accessible to anyone. Blurboxer. A new, worthy electro-acoustic environment for your ears. . .

07.17.12"MU" - REVIEW BY MARCO CARCASI, KATHODIK, Webzine

Abrasioni impro da New York.
Un duo feroce.
Il nostro (?) Gian Luigi Diana, il batterista Jimmy Johnsen.
Chitarra, laptop, basso, giradischi, batteria, urla e sospiri.
Dalle note interne di copertina: Non stiamo a giudicare le conseguenze di uno Tsunami, la morte, la distruzione, la desolazione e così via. Vediamo lo Tsunami come un misterioso potere, un potere nudo e crudo che appartiene alla Natura. Siamo interessati a questo improvviso rilascio di energia. Vedendo le immagini senza sonoro del recente Tsunami in Giappone, abbiamo cercato di immaginare come si possa mettere in suono questa forza primordiale che solo una libera improvvisazione può dare l'opportunità di esprimere.
Dimenticate le perlacee escrescenze di “Cristalli Sonori" (il precedente lavoro di Diana, sempre su Setola).
Questa è liberazione, selvaggia, catartica, ottundente.
Dritta nei denti.
Impetuose circolarità, organizzate in scaracchi grumosi.
Avanguardia secca e scolpita.
Possessione free e contusioni blues.
Riflessi strappati Hendrix, carta vetrata Sharp (circa “Larinx" e “Datacide"), James Blood Ulmer con una gamba intrappolata in una tagliola.
Urla di bovari.
Urla e basta.
Uccelli in migrazione, il ronzare delle mosche.
Nessuna gratuita compiacenza, nessuna pippetta frustrata, colto/noise.
Solo ciccia.
Stretta fra un polpastrello e l'altro con forza.
Il dolore non è nulla.
Un perentorio invito all'azione.
Qualunque essa sia.
Bucce e cocce, scorie e scarti... (Gronge, Karin B).

10.10.11" CRISTALLI SONORI" - REVIEW BY ANDREA FERRARIS, SODAPOP, Webzine

Se per alcune uscite del catalogo della Setola possiamo indubbiamente parlare di jazz, per dischi come quello di Gian Luigi Diana, si tratta di musica che se dal jazz prende le braccia, mentre cuore e testa sono situati altrove. Credo che parlando di lavori come cristalli sonori, sia inevitabile dire che si tratti di musica contemporanea, il che come credo immaginerete sostanzialmente significa tutto e nulla, ma vi basti sapere che se con la musica che ha reso celebri Coleman e Coltrane spesso viene in mente un locale fumoso con le luci fioche e parecchio sudore, in questo caso la location ideale si troverebbe in un museo o in una sala da concerto, con le luci rigorosamente spente. Diana, ormai di stanza a New York, pur utilizzando una formazione che comprende contrabbasso, clarino, flauto e chitarra, manipola delle campane di cristallo, usa live electronics, voce ed un piano e lo fa ispirandosi apertamente all'elettronica tedesca e inglese o quantomeno a quella contemporanea che ha reso celebri compositori come Stockhausen, Shonberg, Xenakis, Messiaen, tanto per menzionarne alcuni. Nonostante l'italiano si ispiri ad una serie di macigni mostruosi, riesce comunque a mantenere una certa musicalità che forse lo rende anche piuttosto fruibile ad una serie di ascoltatori neofiti e più addentro generi di sperimentazione con un background meno colto o più elettronico/ambient, a questo proposito forse mi ha ricordato l'espressività di certi lavori di Maryanne Amacher. Senza adagiarsi troppo sulla ripetizione di una formula Diana sembra utilizzare parti maggiormente composte a parti nella quali l'improvvisazione (come se i materiali improvvisativi non fossero frutto di lavoro pregresso) ha un peso molto maggiore, quest'ultima cosa oltre a rendere l'ascolto molto più interessante permette di intuire che si tratti di un musicista che nonostante un ampio spettro di idee non è troppo legato ad un canovaccio fisso. A New York in cerca di fortuna come Emanuel Carnevali? Un altro drammatico effetto della fuga dei cervelli da questa nazione?... chissà, per ora resta un gran bel disco su una piccola etichetta nostrana.

10.07.11" CRISTALLI SONORI" - REVIEW BY STEFANO PIFFERI, SENTIREASCOLTARE, Webzine

Altro emigrante atterrato in territorio newyorchese, a dimostrazione di come purtroppo di soli cervelli in fuga (non) vive questo paese in crisi, Gian Luigi Diana se ne esce con un album ricercatissimo per la nostra – questa sì – Setola Di Maiale.

Il multistrumentista friulano, esule e girovago – Berlino, Londra, India, NY: non si contano i luoghi toccati nel suo vagabondaggio psichico e fisico – si cimenta con Cristalli Sonori in solo, fatta eccezione per qualche comparsata di colleghi e amici a fiati (Patrick Holmes, Porra-Boy, Bojan Z.) e doppio basso (Lisa Dowling). Il risultato è un lavoro di ricerca basato sul live electronics e sulla manipolazione sonora che ce lo mostra artista attento al dettaglio e alla profondità del suono, ma nel contempo libero di spaziare tra intuizioni musicali ampie e guidate da uno spirito totalmente free.

A cercare tra le pieghe di un suono curatissimo non esce solo fuori una attitudine impro-onnivora – citazioni e suggestioni mediorientali, suburbane, post-industriali si ammassano e stratificano le une sulle altre – ma una sensibilità ad ampio spettro capace di (ri)tirare in ballo classico (la tradizione indiana, ad esempio) e innovativo (le reminiscenze minimal-electro londinesi e berlinesi), così come analogico e digitale, scritto e improvvisato. Dal cilindro del trasformista escono così perle come l’electro virata materia di Cristalli Sonori And Clarinet Pt.4 o l’impro-jazz circense e spezzettato di Improvisation #3, l’ipnotico rumorismo sotterraneo scolpito da beat industrial minimali di 21 Disgusting America, la disco-concreta di Brooklyn Dancing Bedbugs, la contemporanea di Cristalli Sonori And Clarinet Pt.1, le orchestrazioni di The Seven Dwarfs, Tired Of Working, Are Complaining On Their Way Back Home. Tutte, o quasi, duetti in modalità impro con la strumentazione acustica e concreta riprocessata in chiave elettronica.

“In questo album considero il suono come un oggetto con le sue proprie configurazioni scultoree e spaziali e il mio processo di composizione e improvvisazione è soltanto legato a piani, volumi e densità diverse". Massimo rispetto per tali outsider.

10.04.11"LAGHIMA" - REVIEW BY BRUCE LEE GALLANTER. DOWNTOWN MUSIC GALLERY, NY

"GL Diana - laptop, live electronics & mbira and Frederika Krier on violin. Mr. Diana has played here at DMG on a few occasions and always does something completely different. Last Sunday (8/7/11), he played in a trio with Ben Gerstein on trombone, Mike Pride on percussion and GL on laptop/sampling. They were pretty amazing and different from anything I've caught Mike Pride with in the past.
Gian left us with two new duo discs and of course they are again quite different from each other. The title of this disc, "'Laghima' is a Sanskrit word for levitation. I love the sound of an mbira or African thumb piano and this is how this disc opens in duo with a lovely acoustic violin. For the next track which is longer, Gian takes the acoustic violin and puts it through his computer, adding layers of lines, creating a fascinating tapestry of sounds. The sound of the violin is slightly different on each track as is the way that Gian alters and layers the different string sounds. Whether plucked, bowed or any other odd string sounds are often transformed although the central violin solo often remains the same. Ms. Krier sounds like she is classically trained with a good deal of familiar melodic fragments at her disposal. When Gian selectively adds various layers of electronic sounds or samples, the effect is quite kaleidoscopic and often mesmerizing. This wonderful duo play be playing here at DMG on Sunday, October 9th at 7pm. Come on down and check it out if you live in the area or are visiting." - Bruce Lee Gallanter, Downtown Music Gallery

08.15.11"CRISTALLI SONORI" - REVIEW BY GREGOR APLLEGARE EDWARDS

As with the previous recordings we have electro-acoustic music devoid of cliche, in the form of the unexpected. Again, it's in the realm of spontaneous composition and combines Gian's well-thought-through sound universes with real-time acoustic instruments: Patrick Holmes on clarinet, Porra-Boy, flutes and slide guitar, Lisa Dowling, double bass, and Bojan Z. on sax and clarinet, each entering for a segment or two.

This is soundscaping without a lot of sustain or drone and more concerned with sonic events that follow one upon another in a kind of narrative flow. The early work of AMM, MEV and Il Gruppo sometimes comes to mind, but as precursors more than as models.

It's avant music of a singular cast and will appeal to the patient follower of new sounds. You must let the sequences unfold in time and you will find a rewarding experience in the offing when you do.

07.28.11" CRISTALLI SONORI" - REVIEW BY MARCO CARCASI. KATHODIK, Webzine

Cristalli, senz'altro, ma anche ceramiche che s'infrangono, percuoter di legno contro legno, sfrigolar di silicio e balbettamenti umani.
L'opera di Gian Luigi Diana è sorprendente.
Una lunga trafila di vita, Pordenone sul principio, rock blues, laboratori impro jazz.
Urgenza, Berlino, occupazioni e minimal techno; non basta.
Sette anni in India, yoga, sitar, canto Druphad.
Tornare a casa?
Si, certo.
Per cosa?
New York, luci al neon, rigogliosa consapevolezza.
Rincorrer l'osso bianco.
L'essenza.
Umana ricerca prima che arte, dritti all'ora e adesso.
Che non potrebbe esser migliore.
Una serie di duetti, dove Gian Luigi Diana si destreggia fra live electronics, voce, piano e sound manipulation.
Ad accompagnarlo nel suo percorso, troviamo: Patrick Holmes al clarinetto, Porra-Boy, flauto e slide guitar, Lisa Dowling al contrabbasso, Bojan Z. sax e clarinetto.
Quindici percorsi fuori dal coro, dove il suono, si allunga sino a divenire quasi stringa inudibile, scansione sferzante, impressionistico drappeggiar sinusoide, morso emotivo astratto/ironico, pestar di tasti, ricordo di etnie lontane.
Necessario infine, un profondo inchino, al gran rombo del silenzio, incombente su tutto, su tutti.
Su ogni parola, ogni pensiero.
Un'espressione ed un approccio scultoreo, che ingloba e accarezza l'immensità del vuoto, dove ogni evento, trova la propria, naturale, armonica collocazione.
Sospensioni aeree, densità, calibrate stratificazioni, impeccabile a dir poco.
Bertoia avrebbe annuito soddisfatto.
Risvegliarsi dopo una rovinosa caduta, constatar di esser integri, ciò di cui si necessita, improvvisamente a fuoco, esser vivi, con passione, umiltà, forza, curiosità e rispetto.
Da quel momento in poi, tutto il resto, un'inutile sfilata.
Profonda ispirazione che mira al cuore.
Avvicinatevi a Gian Luigi Diana.
Avvicinatevi.

02.10.11" CRISTALLI SONORI" - REVIEW BY BRUCE LEE GALLANTER. DOWNTOWN MUSIC GALLERY,NY:

"This is a solo project by Mr. G.L. Diana on live electronics, sound manipulation & a bit of piano with Patrick Holmes & Bojan Z. on reeds, Porra-Boy on flutes & slide and Lisa Dowling on double bass. Last Sunday (1/9/11), Mr. Diana played here at DMG (for the second appearance) with Frederika Krier on violin and again blew some minds with his/their unique electronics/improv. This time GL has left us with an interesting mostly solo offering with guests just on 1 or 2 tracks each. You can tell that a good deal of time and preparation went into the making of this disc since each sound is so carefully crafted and placed in the mix. On "Brooklyn Dancing Bedbugs", it sounds like old-school analog synth (slightly altered) used in an effective & repetitive way. There are a series of duos called "Cristalli Sonori and..." with clarinet, bass and voice. Mr. Diana manipulates each instrument subtly adding minimal electronic spice. The duos with classically trained contrabassist Lisa Dowling (from Blurboxer) are especially enchanting. For "21 Disgusting America" the alien voices are somewhat disorienting as are the ancient synth sounds. The instruments often resonate and sound as if they were submerged in a warm ocean of soft, eerie sounds, everything is floating in a stream. By the time this disc was over I felt as if I had been transported to another place, resting on a raft and watching modern life slowly unfold... moving through different dream-spaces." - Bruce Lee Gallanter, Downtown Music Gallery

06.10.10"BLURBOXER - The invention room" - REVIEW BY BRUCE LEE GALLANTER, DOWNTOWN MUSIC GALLERY:

''REVIEW FROM BRUCE LEE GALLANTER, DOWNTOWN MUSIC GALLERY:
Blurboxer is mostly a duo of G.L. Diana (sitar & electronics) and Lisa Dowling on double bass with a couple of guest clarinetists: Patrick Holmes & Tony Jarvis sitting in on a few tracks each. The music is mostly improvised & half of the tracks feature one or the other clarinetist. What is interesting is the way that G.L. takes the clarinet and adds bits of subtle electronics to the mix. Lisa plays some lovely bowed bass on "Moha" (reminding me of "As You Said" by Jack Bruce during his Cream days) while G.L .adds subtle yet eerie electronics around her. "Gitano" features a sublime sitar and acoustic bass duo, calm and quaint. I dig that much of this is quite skeletal, just a few notes here & there with nothing cluttered. "Kitscratch" is just one circular clarinet line repeating with bowed bass going up and down. Electronic droplets are added as occasional spice. Few folks can do so much with so little. The few duos with sitar and acoustic bass work best and are sublime and softly exotic. What I like about this disc is that it deals mostly with a vibe that evokes warm dreamy memories. I can see how this music would be perfect for a film sequence involving fading dreams of better days. - Bruce Lee Gallanter, Downtown Music Gallery''